giovedì 3 agosto 2017

IL CALDO AUMENTA MOLTISSIMO LA VELOCITA' DI REAZIONE DELLA BATTERIA CHE PERTANTO NE SOFFRE.


L’inverno al freddo la velocità di reazione (Cinetica Chimica) all’interno della batteria diminuisce e quindi la batteria riceve corrente ai poli meno velocemente (bassa potenza) e pertanto ci possono essere difficoltà quando la richiesta di energia è grande,ad esempio nell’avviamento del motore; è come se gli ampere.ora Ah della carica presente nella batteria richiedessero più tempo a diventare corrente in Ampere A  ai due poli esterni della batteria.
La situazione potrebbe aggravarsi in caso di batteria molto vecchia e quindi in parte solfatata.
Tuttavia generalmente la batteria non soffre il freddo ma distribuisce la corrente più lentamente.


In estate al caldo invece  la velocità delle reazioni  che portano corrente ai poli aumenta sensibilmente e, secondo le leggi della cinetica chimica, questa velocità può anche raddoppiare per  ogni aumento di temperatura di 10 ° C ; questo aumento abnorme di velocità può creare facilmente problemi in una batteria già stanca per vecchiaia.
Inoltre questo grande lavoro che si svolge in tempi brevissimi (grande potenza perché la potenza è data dal rapporto fra lavoro e il tempo) può facilitare in una batteria magari già in cattive condizioni di salute, il distacco dei reagenti piombo ed ossido di piombo dalle piastre immerse nell’elettrolito ovvero la deformazione delle piastre stesse fino alla rottura di almeno una di queste e conseguente necessità di sostituire la batteria.
In un certo senso è come se una persona in età avanzata e affetta da problemi delle arterie venisse chiamata senza alcuna preparazione ad una gara olimpica dei cento metri piani: il rischio potrebbe essere un INFARTO.

E’ proprio  questo timore del caldo  il motivo per cui i costruttori tendono a collocare la batteria dell’auto sempre più spesso all’esterno del vano motore il quale può raggiungere e superare  in estate anche la temperatura di 90° C.

Ed è per questo cambio di collocazione della batteria che i costruttori hanno realizzato le batterie a ricaptazione di gas come le AGM ed altre,in grado cioè di ricollegare alle piastre interne i gas che si sviluppano durante le reazioni; ciò ovviamente allo scopo di evitare che esalazioni di gas in uscita dalla batteria possano creare problemi al conducente e ai passeggeri essendo questa contenuta nell’abitacolo.

Inoltre come aumenta notevolmente la velocità delle reazioni interne che portano corrente ai poli aumenta anche la velocità di reazione della naturale ed inevitabile autoscarica cui sono soggette tutte le batteria,in particolare le sempre molto diffuse batterie al piombo-acido.
Per cui la batteria soffre il caldo in modo particolare ed è proprio in estate,con il caldo, che spesso la batteria ci tradisce.





11 commenti:

  1. Cortini B. Firenze05 agosto, 2017

    Io a dire il vero sapevo che la batteria soffre il caldo ma non ne conoscevo il motivo.

    RispondiElimina
  2. Robertino.Fiesole05 agosto, 2017

    Infarto alla batteria che crolla per la richiesta di corrente a velocità eccessiva a causa della velocità di reazione troppo grande.

    RispondiElimina
  3. Morelli G Ppistoia.06 agosto, 2017

    Sono andato a rileggermi tutte le variabili dalle quali dipende la velocità di reazione del primo ordine o di ordine superiore:la temperatura è una delle variabili principali.

    RispondiElimina
  4. Pertanto si può dire che con il caldo quando alla batteria è richiesto un grande sforzo come l'avviamento questa scarica la sua energia in modo estremamente veloce a tal punto da non poterlo accettare senza danni ai suoi organi interni ,come le piastre immerse nell'acido,che quindi,se sono non tanto in salute a causa dell'età possono contorcersi e/o rompersi interrompendo i collegamenti fra i sei elementi.

    RispondiElimina
  5. Post magnifico come sempre! Nessun sito web che tratta argomenti di elettrauto in modo divulgativo è all'altezza di questo ! Però io sono arrivata a fine luglio e codesta officina elettrauto era già chiusa per ferie per tutto Agosto.Dovresti pensare un po' più ai clienti.

    RispondiElimina
  6. Sarti G. Badia a Settimo.10 agosto, 2017

    Ma insomma quando riapre l'officina?

    RispondiElimina
  7. Benedetti A.-Fiesole.10 agosto, 2017

    Finalmente mi è chiaro perchè le batterie soffrono il caldo eccessivo.

    RispondiElimina
  8. Interessantissimo anche per me che ne capisco poco tuttavia qualcosa di chimica e delle variabili da cui dipende la velocità di reazione me la ricordo,ad esempio la concentrazione dei reagenti.

    RispondiElimina
  9. Russo Luigi.Firenze.16 agosto, 2017

    E le reazioni chimiche che avvengono nella batteria sono certamente di ordine superiore al primo perchè i reagenti sono più di uno.

    RispondiElimina
  10. Masini A.-Firenze.20 agosto, 2017

    Anche io ho sempre pensato che la batteria soffrisse il freddo ma ora mi rendo conto che il freddo può rallentare l'arrivo di quantità di carica elettrica producendo l'insufficienza della batteria durante l'avviamento tuttavia,se la batteria è in buone condizioni e non è troppo vecchia,la batteria rimane efficiente.Ben diverso invece l'effetto del caldo che può portare a una vera e propria crisi del funzionamento con deformazione e danneggiamento delle piastre a causa dell'aumento vertiginoso della velocità di reazione.

    RispondiElimina
  11. Baldini,Pratolino (FI).20 agosto, 2017

    La batteria rischia l'infarto perchè quando fa molto caldo vuole agire troppo in fretta insomma.

    RispondiElimina